Statuti

Pubblicato: Sabato, 17 Luglio 2010

Statuti dell’Associazione Centro per la Nonviolenza della Svizzera italiana (CNSI)

1.    Nome e sede
A norma dell’art. 60 segg. del Codice civile (CCS) è costituita l’Associazione apartitica, aconfessionale e senza fine di lucro Centro per la Nonviolenza della Svizzera italiana (CNSI).
La stessa, con sede a Bellinzona, riprende integralmente le attività ed il patrimonio del Gruppo ticinese per il servizio civile (GTSC), attivo dal 1977 al 2010.

2.    Scopi
Il Centro per la Nonviolenza della Svizzera italiana vuole promuovere la nonviolenza e una cultura di pace nella Svizzera italiana, in particolare attraverso :

  • L’aiuto e la consulenza agli obiettori di coscienza al servizio militare e la promozione del servizio civile.
  • La pubblicazione di un trimestrale d’informazione.
  • La gestione di un Centro di documentazione aperto al pubblico.
  • L’organizzazione di seminari, serate ed incontri formativi e di informazione.
  • L’organizzazione di altre attività pubbliche nonviolente.
  • La partecipazione attiva ad Enti e Coordinamenti contro la guerra e la violenza, per il rispetto dei diritti umani e per la pace.


3.    Risorse finanziarie
Per il perseguimento dei suoi scopi il Centro per la Nonviolenza della Svizzera italiana fa capo alle tasse sociali (fissate dall’Assemblea), agli abbonamenti al suo trimestrale, ad offerte e contributi vari, a sovvenzioni pubbliche e private, alla vendita di materiale e all’eventuale retribuzione dei suoi servizi.

4.    Membri

  • Membri attivi individuali
    Ogni persona che ne condivide gli scopi e paga la tassa sociale (o una prestazione equivalente) può diventare membro attivo dell’Associazione con diritto di voto.
  • Membri attivi collettivi
    Ogni persona giuridica (Ente o Associazione) che ne condivide gli scopi e paga la relativa tassa sociale, può diventare membro attivo dell’Associazione e farsi rappresentare da un massimo di due suoi delegati con diritto di voto individuale.
  • Membri sostenitori
    Sono considerati tali le persone che nel corso di un anno hanno fatto un’offerta di almeno fr. 100.--. Gli stessi sono invitati all’Assemblea ed avranno diritto di voto nell’anno in corso.
  • Membri passivi individuali
    Sono considerati tali i civilisti o altre persone che hanno preso contatto con l’Associazione, ma non pagano la tassa sociale.
  • Membri passivi collettivi
    Sono considerati tali gli Istituti d’impiego del servizio civile e gli Enti ed Associazioni che hanno preso contatto o condividono gli obiettivi dell’Associazione, ma non pagano la tassa sociale.


5.    Gli organi dell’Associazione
Gli organi dell’Associazione sono:

  1. l’Assemblea generale
  2. il Comitato
  3. il Revisore dei conti


6.    L’Assemblea generale
È l’organo supremo dell’Associazione e, nella forma ordinaria, viene convocata dal Comitato una volta all’anno con preavviso scritto di almeno 15 giorni ai membri attivi e sostenitori.
Il Comitato, di propria iniziativa o su richiesta di un quinto dei membri attivi, può in ogni momento e con le stesse modalità convocare un’Assemblea straordinaria.
I compiti dell’Assemblea sono:

  1. elezione o revoca del coordinatore, degli altri membri del Comitato, nonché del revisore dei conti;
  2. elaborazione e modifica degli statuti;
  3. approvazione del conto annuale e del rapporto del revisore;
  4. deliberazione in merito alle attività dell’associazione ed al budget annuo;
  5. determinazione della tassa sociale.

Per ogni decisione dell’Assemblea viene ricercato il consenso. Se sussiste un disaccordo si procede al voto e la decisione viene presa con la maggioranza dei ¾ dei membri attivi, sostenitori e delegati presenti.
I membri passivi possono partecipare all’Assemblea, ma senza diritto di voto.

7.    Il Comitato
È composto da un minimo di 5 membri, nominati dall’Assemblea.
Il coordinatore viene nominato dall’Assemblea, mentre le altre cariche vengono suddivise all’interno del Comitato stesso.
L’attività dei membri del Comitato è svolta a titolo volontario.
Il Comitato rappresenta l’Associazione all’esterno e ne coordina le attività.

8.    Il Revisore dei conti
Viene nominato dall’Assemblea, all’intenzione della quale redige un rapporto annuale sulla gestione finanziaria dell’Associazione.

9.    Firma
L’Associazione è vincolata dalla firma individuale del coordinatore o di un membro del Comitato.

10.    Responsabilità
Per i debiti dell’Associazione risponde solo il patrimonio dell’Associazione.
È esclusa la responsabilità personale dei membri.

11.    Trimestrale
Il trimestrale pubblicato dall’Associazione viene inviato agli abbonati, a tutti i membri e a chi ne fa esplicita richiesta.

12.    Modifica degli statuti
I presenti statuti possono essere modificati solo da un’Assemblea che ne preveda esplicitamente la trattanda all’ordine del giorno.

13.    Scioglimento dell’Associazione
L’eventuale scioglimento dell’Associazione può essere deciso solo dai ¾ dei membri presenti ad un’Assemblea convocata a questo scopo.
Con lo scioglimento dell’Associazione, il patrimonio dell’Associazione va ad un’istituzione che persegue la stessa o una simile finalità.

14.    Entrata in vigore
I presenti statuti sono stati accettati nell’ambito dell’Assemblea costitutiva del 30 aprile 2010 e sono entrati in vigore in tale data.

Il coordinatore:                        Il segretario:
Luca Buzzi                               Filippo Lafranchi

Visite: 7414