JoomlaTemplates.me by HostMonster Reviews

Pubblicato il no. 40 del trimestrale "Nonviolenza"

Created: Wednesday, 16 September 2020 Last Updated: Wednesday, 16 September 2020 Published: Wednesday, 16 September 2020

È uscito negli scorsi giorni il No. 40 di Nonviolenza, con il quale il trimestrale d’informazione edito dal Centro per la Nonviolenza della Svizzera italiana (CNSI) festeggia i 10 anni di pubblicazione.

Nell’editoriale Luca Buzzi, sottolineando l’impegno necessario per una pubblicazione regolare ancora basata esclusivamente sul volontariato, ringrazia tutti coloro che hanno permesso il raggiungimento di questo traguardo e segnala la fine della sua collaborazione quale redattore responsabile.

Nelle pagine sul servizio civile il trimestrale dà ampio spazio al voto finale a sorpresa del Consiglio nazionale che ha permesso, almeno per il momento, di salvare questo servizio che era stato messo in discussione dalla revisione della relativa Legge. Presenta inoltre le statistiche 2019 che denotano un ulteriore calo delle ammissioni e dei giorni di servizio.

Dall’Italia Giuseppe Bruzzone parla della sua obiezione al servizio militare avvenuta nel lontano 1966.

Tornando all’attualità svizzera Dick Marty invita a sostenere l’iniziativa per multinazionali responsabili, mobilitandosi contro la lobby che a partire da ottobre riempirà ogni angolo della Svizzera con i suoi manifesti pubblicitari e diffonderà ancora più fake-news.

Tra i diversi altri articoli, il trimestrale riferisce dell’ipotesi suffragata da una fonte israeliana ben informata che è stato Israele ad aver causato la possente esplosione al porto di Beirut per distruggere un contiguo deposito d’armi di Hezbollah.

Sotto il titolo “Dov’è il nemico? Il virus o noi stessi?” si evoca il confinamento in Spagna per la pandemia, che dovrebbe far ripensare il nostro modello di vita, ma che per molti ha ripreso come se nulla fosse successo e proclamano a gran voce la propria “libertà” individuale, scordandosi del collettivo e della società.

Viene poi sottolineato l’obiettivo dei fanatici della supremazia del mercato, rappresentanti di una vera e propria “Kakistocrazia”, ossia dell’ascesa politica di persone non qualificate o scarsamente scrupolose come Trump, Bolsonaro e simili, mentre in un altro contributo si nota come catastrofi e conflitti ci hanno resi indifferenti ed apatici, perché, a torto, si ritiene che la realtà è fatta così.

Nelle pagine tematiche gestite da diverse associazioni, Amnesty International segnala la caccia alle influenzer di Tik Tok e l’incitamento alle violenze sessuali in Egitto, mentre l’Associazione Svizzera-Palestina critica il vergognoso “accordo del secolo” che legittima l’occupazione israeliana della Cisgiordania e non farà che aumentare la violenza e un regime di apartheid, come testimonia un avvocato israeliano.

Infine il GSse esamina e critica la propaganda a favore dei nuovi aerei da combattimento, mentre Greenpeace auspica una piazza finanziaria pulita per un pianeta pulito

 

Copie gratuite del trimestrale sono ottenibili telefonando allo 091 825.45.77 o per e-mail a This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it..

 

Hits: 100