JoomlaTemplates.me by HostMonster Reviews

Pubblicato il no. 25 del trimestrale "Nonviolenza"

Creato: Martedì, 10 Gennaio 2017 Ultima modifica: Domenica, 02 Aprile 2017 Pubblicato: Martedì, 10 Gennaio 2017

È uscito negli scorsi giorni il No. 25 di Nonviolenza, il trimestrale d’informazione edito dal Centro per la Nonviolenza della Svizzera italiana (CNSI).
L’editoriale denuncia le distruzioni e i massacri che continuano in Siria, ma anche in altre parti del Mondo, nell’indifferenza più totale, sottolineando comunque i meriti delle diverse decine di persone che, anche se ignorate da tutti i media, sono scese in piazza a Bellinzona lo scorso 2 ottobre per cercare di risvegliare le coscienze e dire un chiaro NO alle guerre ed alla violenza
Nelle pagine dedicate al servizio civile, in occasione dei 20 anni di questo servizio, vengono presentate diverse esperienze del passato e del presente illustrate da rappresentanti sia degli istituti d’impiego che dei civilisti.
Ma si da uno sguardo anche alla realtà del servizio civile in Italia, ora volontario dall’abolizione della leva obbligatoria, dove si auspica tra l’altro che venga incentivata la formazione alla difesa civile, non armata e nonviolenta, creando un secondo sistema di difesa del Paese di pari dignità con quello militare, ma anche le altre attività servono a coltivare e diffondere una cultura nonviolenta nella società.

Il trimestrale riferisce poi della chiara e durissima denuncia del Papa che, davanti ai delegati dei movimenti popolari di tutto il Mondo, ha sottolineato come “si salvano più facilmente le banche che gli uomini, e così il Mediterraneo è diventato un cimitero ed i rifugiati sono abbandonati a sé stessi da un iniquo sistema economico mondiale”.
Ma anche un paio di altri articoli denunciano gli intrecci perversi che portano ad esempio i produttori di armi a trarre profitto dalla tragedia dei rifugiati.
Nella rubrica Poesie contro la guerra viene questa volta presentato il testo della canzone Padroni della guerra di Bob Dylan, recentemente premiato con il Nobel per la letteratura.
Nelle pagine tematiche gestite da diverse associazioni, Amnesty International denuncia i trattamenti disumani di rifugiati e richiedenti l’asilo perpetrati in una “prigione a cielo aperto” in Australia, le Donne per la Pace danno voce a Maria Zambrano che ricorda che “vivere in crisi è vivere inquieti, perché manca un po’ di coraggio per custodire la sorgenti del sogno”, l’Associazione Svizzera-Palestina, denuncia la deriva pericolosa che sta portando Israele da democratico verso l’apartheid  e descrive il difficile cammino della nonviolenza in Palestina per resistere alle provocazioni dell’occupante militare senza ricorrere alle armi.
Infine il GSse, presenta in anteprima un libro sui problemi legati alle commemorazioni del centenario della Prima guerra mondiale.
Copie gratuite del trimestrale sono ottenibili telefonando allo 091 825.45.77 o per e-mail.

Visite: 1258